You are currently browsing the tag archive for the ‘noir’ tag.

La promessa dell’assassino è duro da digerire. Ti lascia addosso un senso di angoscia, di schifo e di impotenza.

Naomi Watts ricerca i parenti a cui affidare la figlia di una quattordicenne morta, probabilmente invischiata in prostutizione e mafia russa. Certo che quando vedi in che schifo di situazione si potrebbe cacciare, devi iniziare a domandarti se è il caso di proseguire o meno, per il bene della piccola dico.

La trama è sostanzialmente quella, ed il tempo e le situazioni sono realistiche. Il pestaggio nella doccia è crudo, e non ci sono le scazzottate hollywoodiane. Ecco, se nella realtà mi trovassi in una doccia e cercassi di seccare uno come Nicolai, le prenderei esattamente nella stessa maniera!

E se nella memoria collettiva rimarrà la scena cult col corpo tatuato di Mortensen, forse è più indicata quella in cui lui siede al tavolo del ristorante. Potente, ma solo. Emblema di un noir che non parla solo di omicidi e intrecci, insomma.

Oh, naturalmente si parla di Eastern Promises, le promesse da marinaio fatte alle ragazze dell’est: di assassini il film è pieno, ma nessuno che prometta nulla. Ah, potenza dei distributori italiani…

Annunci

In Bruges. Tra i film più consigliati dell’anno. Un sicuro cult. E’ persin difficile parlarne senza rovinarne la bellezza (ma qui va a gusti!) ed evitare spoiler che ne comprometterebbero la visione!

Dialoghi e battibecchi eccezionali, scene dotate di ritmo, musiche tristi e d’atmosfera al punto giusto, e un finale che ti piomba addosso, per il quale speri in un ulteriore trovata geniale: forse eri stato abituato troppo bene… dai! Ancora una!

Naturalmente, è passato in sordina. Ma sì, continuiamo piuttosto a parlare di Sette anime all’infinito. Qua sì, che c’è La coscienza dell’assassino del sottotitolo italiano (quagliante, per una volta). Un ottimo equilibrio infatti tra la malinconia della situazione generale, e il tono dei dialoghi e dei singoli episodi esilaranti e al limite del grottesco.

I personaggi dei killer protagonisti sono strepitosi; non stereotipati in rudezza e maniere brusche, ma forse al contrario, modi eleganti, pronti alla dialettica, e sopratutto di saldi principi (tanto per farne una citazione).

E ora chiudo, che se no finisce che svelo tutto!

Disclaimer

Io non sono un giornalista (per ora!). Questo blog non è una testata giornalistica (ai sensi di nessunissima legge vigente). Le immagini qui riportate sono prese dalla versione in lingua inglese di Wikipedia (seguo anch'io la GNU Free Documentation License)