You are currently browsing the tag archive for the ‘Maria Bello’ tag.

http://en.wikipedia.org/wiki/The_Mummy:_Tomb_of_the_Dragon_Emperor#ReferencesVolete una serata di divertimento? volete guardare un film con belle battute, belle azioni e una buona dose di effetti speciali? E allora guardate il primo La Mummia, quello del 1999 diretto da Stephen Sommers. L’avete già visto? Allora saltate direttamente a questo terzo capitolo. La mummia 2 era inferiore all’originale, e Il re scorpione… facciamo finta che non sia mai stato creato, ok?

Da notare come La tomba dell’imperatore dragone sia però una fotocopia di Tomb Raider II (il videogame, pugnale-muraglia-casaingleseconmaggiordomotralepalle-ecc…), reso però con piglio cinematografico.

Detta in soldoni, se volete passare un paio d’ore in compagnia del carisma di Brendan Fraser, dello stralunato John Hannah, di azione e di qualche risata, guardatevi ‘sta Mummia 3; unica avvertenza, chiudere gli occhi su Maria Bello (è solo l’ombra del personaggio della Weisz), sul figlio (…mmh…insulso?) e sui cattivi (ma perché l’imperatore dev’essere sempre un perfido idiota? Perché il generale deve aiutare l’idiota? E perché l’aiuto del generale deve aiutare l’idiota che aiuta l’idiota?).

Comunque, un’ottimo film d’intrattenimento.

A History of Violence è esattamente cioè che propone con il suo titolo: una storia di violenza. Non solo story però, ma direttamente history, cioè impermeata nella società. Violenza nei sicari, violenza a scuola, e violenza nel sesso.

La cosa terribile è che nel film il momento in cui funziona meno è proprio il “violento” (con le virgolette) finale: ai limiti del ridicolo, e con le frasi di Hurt che non levano comunque la situazione dall’impiccio (ma battute simili funzionano eccome in In Bruges, tanto per citare l’ultimo).

La figura carismatica di Ed Harris (che attendo di vedere con l’eccezionale Viggo in Appaloosa, ma per ora i film di provincia lo evitano a favore di Beverly Hills Chiuhauha, bleah) muore subito. Pensavo fosse l’antagonista con quale duellare a morte, e invece subito, PAM! Allora spero che l’ambiguità sul passato di Tom/Joey prosegua ancora un po’, ma invece no, due secondi dopo confessa tutto.

E ora che si fa? Si attende. Che Joey ammazzi i cattivi, e che la moglie e la famiglia accettino il nuovo Tom.

Per la cronaca, ora che l’ho visto ho capito come mai in La promessa dell’assassino c’erano così poche sparatorie… Cronenberg aveva finito i proiettili!

Disclaimer

Io non sono un giornalista (per ora!). Questo blog non è una testata giornalistica (ai sensi di nessunissima legge vigente). Le immagini qui riportate sono prese dalla versione in lingua inglese di Wikipedia (seguo anch'io la GNU Free Documentation License)